Pagine

mercoledì 19 aprile 2017

Kokos da casa...

... e non abito a Basovizza! :D
ma andiamo con ordine:

Sabato mattina era in programma con Andrea un giro esplorativo nel quale ha sapientemente mixato l'inizio JamaRun e il tratto poco battuto dopo Mihele dell'S1.
Bel percorso, e sarebbe stato tutto perfetto se non avesse piovuto più o meno intensamente per buona parte dell'allenamento.
Un po' ci sta, certo, ma dopo qualche ora i piedi iniziano a diventare palmati, e l'umidità entra in profondità, lasciando una sgradevole sensazione di gelo.
Da notare che la deviazione dopo Mihele lascia sempre dei dubbi sul sentiero, che si perde scompare e ti manda tra i rovi! Una volta rientrati in valle scendendo dal sentiero dell'Amicizia, invece di fare il solito giro per poi prendere il Crinale al bivio con l'S1, Andrea propone la "scorciatoia per cippo Comici"... bella e mozzafiato, anche se con la pioggia forse bisogna ricordarsi che si può scivolare!
Quasi 20 km a caccia di salite, per finire stanchi e con le gambe provate...


Portato a casa l'allungo delle distanze doveroso in vista del Trail del Collio, domenica mi piacerebbe andare a nuotare, altra attività che trascuro ultimamente per problemi (i soliti) di tempo...
Giustamente a Pasqua le piscine locali sono chiuse, e le previsioni per domenica non sono buone.
Al contrario la mattina seguente il cielo è intenso e azzurro come  solo sa esserlo dopo una giornata bigia di pioggia e vento: non ci penso due volte e scatta il piano B: Kokos da casa, che devo essere a pranzo dai miei!
Prendo la pista ciclabile e prima di entrare nella galleria più lunga salgo a destra e mi ritrovo tra orti recintati abbarbicati sulla collina, attraverso una stradina e poi di nuovo in salita sul Castelliere di Cattinara dove oltre magnifici iris, incontro un capriolo.





Mi oriento verso Basovizza, sbuco al bivio a T e prendo la scala delle vacche per tirare dritto fino Basovizza. Pratoni che costeggiano il Sincrotrone, un po' di asfalto tra le case e mi trovo al solito parcheggio, luogo di ritrovo per infiniti allenamenti. In effetti mi a stranissimo non parcheggiare e arrivare qui a piedi, anche perchè mi sento già (!) stanca per il giro in Valle del giorno prima.
Mezzo giro nel bosco, attraverso e percorro un tratto del sentiero 3 in senso opposto alla Cavalcata, ma invece di proseguire per il sentiero che costeggia il Cocusso, al bivio con la diretta tiro dritto fino in cima ed arrivo al Tumulo Velika Groblja intorno al 14° Km. Da qui è tutta discesa fino a casa, passando per Pese, sentiero della salamandra e ciclabile facile facile! ;)
Tutto bene, buone sensazioni, soprattutto quando arrivo al punto che comprende il mio "urbano mattutino" del mercoledì, sembra davvero di essere già arrivati: pochi chilometri e poi l'asfalto vicino a casa, dove cammino per contemplare la città che si sveglia indolente nel giorno di festa!

lunedì 3 aprile 2017

1.4.2017 - Trieste Trail Aid - Corro ma non tremo


 dall'evento pubblicato su FB da Franceso Rigodanza:
"- Il ritrovo è alle 16:00. Ci sarà un piccolo discorso di briefing e poi si partirà insieme per i 10 o 16 km
- è previsto bel tempo, ci sono 3 fontane disponibili ma se non vi sentite sicuri portatevi qualcosa con voi perchè staremo in giro più di due ore. NON CI SONO RISTORI.
 -I primi 300 metri sono su marciapiede a lato strada trafficata. Questo tratto sarà fatto tutti insieme al passo.
- Il percorso è balisato con fettucce bianche "Euromarathon" solo in alcuni bivi principali. Non dovreste averne bisogno perchè si corre in gruppo (probabilmente più d'uno) ma se vi fermate per attacco di cagotto, selfie panoramico o camporella romantica almeno avete un'idea di dove andare
- è previsto anche un gruppo di Nordic Walking capitanato da Stefano Tonegutti
- Sono benvenuti cani, gatti, cocai e tutto ciò che vi viene in mente
- Oltre al sottoscritto (al momento pieno di tachipirina e quindi poco affidabile) ci saranno anche ElvisAdrianoGabrieleNazaSimoneMaurizio e Stefano che ben conoscono il percorso e danno una grossa mano domani. Ai bivi affidatevi a loro!
- Il ristoro finale è autogestito. Cosa vuol dire? Che ognuno porta qualcosina. Non c'è bisogno della pentola di carbonara per 20 persone (ma è ben accetta!!!), va bene anche anche il sacchetto mezzo vuoto di biscotti, due banane o le classiche lattine di Lasko.
- Non c'è un deposito borse!
- Non c'è un'iscrizione vera e propria. Vieni, corri, mangi, doni qualcosa. Semplice.
Domande? Fatele ora o mai più!" 

che certe cose più che raccontate, vanno vissute, e 
alla fine è chi ha partecipato che ringrazia chi ha organizzato: davvero bello!





martedì 14 marzo 2017

Kokos Trail 2017

Kokos Trail 2017 - Sesto Memorial VIRGILIO ZECCHINI - Questa è la VI edizione di una gara che, proprio per scelta, non ha ancora presentato due volte lo stesso percorso; a quanto pare le varianti intorno al Cocusso sono pressochè infinite e quindi chissà se prima o poi ci sarà un "percorso ufficiale"?
Inizialmente ero stupita: una gara ma mai la stessa, e per il momento mi piace così! Nonostante siano ormai tanti gli anni che bazzico in zona, ho l'occasione di scoprire sempre nuovi tratti di sentieri, o collegamenti solo immaginati!
Il mio entusiasmo è sicuramente merito di una bella giornata di sole, non certo per il mio stato di forma... Dalla brutta caduta a inizio gennaio, che ha compromesso la partecipazione alla Lanaro Granfondo,  sono rimasta ferma quasi un mese: ricominciare è stato difficilissimo, i ritmi calano subito e il periodo di eventi contro sotto altri punti di vista non aiuta a superare quelle che, anche se piccole, sembrano lastre di granito.
Domenica però c'è il sole, un sacco di amici ed il primo pettorale per questo 2017!
La partenza simultanea della 16 e della 8 km è davvero un fiume in piena, ben studiato il percorso inizialmente ampio e scorrevole, in modo da allungare e assottigliare il serpentone coloratissimo, con abbigliamenti che vanno da "un'estate al mare" a white Christmas" :P
Ho optato per un pantalone corto, come le  maniche della maglietta ma con i fantastici manicotti (evoluzione nordic ovviamente!) utili in partenza, dato che c'era anche un po' di vento, ma poi arrotolati ai polsi.
Percorso veloce e, al contrario dell'anno scorso, sono mancate all'appello salite tecniche! molto scorrevole e, avendo le gambe, si poteva correre tutto... Trail vs sky? due facce di una passione che nella sua grandezza non annoia ma anzi stuzzica nelle diverse peculiarità!
Non sono certo mancati i fermo immagine da scattare nella memoria: il mare e Trieste lì in fondo ammirai dalla cima del Kokos, o l'arco delle Alpi Giulie ancora ben innevato alle spalle del Monte Castellaro.
Passati gli abitati di Pese e Grozzana arriva la prima salita verso il Monte Castellaro (Vroce): breve ma che dura; almeno discesa assicurata e passiamo per la fonte (ciao Mauri!), luogo suggestivo e nascosto da ritornarci nei prossimi giri! Si continua la rapida discesa in direzione Lokev, per poi salire dal versante nord. Risalita in direzione rifugio, con il fotografo a pochissimi metri dalla cima (sorridi!) e sento i quadricipiti che protestano; al primo giro li avevo fregati, ma ora presentano il conto: dove vai senza allenamenti??? Faccio finta di non sentirli e assicuro che ora ci sarà solo discesa, fino traguardo!
In effetti, scollinati ci si rituffa subito verso Lipica e questa volta per una variante infrascata che poi si aggancia al classico sentiero a tornanti: bellissima coincidenza astrale, alla fine del single track trovo il numeroso gruppo dei nostri che, con Stefano, sta percorrendo il tracciato della gara breve: Monica mi vede e annuncia il mio arrivo, si fermano tutti a salutarmi e incitarmi, TROPPO BELLO, grazie, mi fate volare!
Finita la discesa il tratto pianeggiante pare in salita e, dopo l'attraversamento stradale, ancora qualche ghirigoro nel bosco per arrivare agli ultimi metri sul perimetro del campo di calcio: bella emozione, cuore in gola e via: fatta anche questa, splendida giornata di sport!
Complimenti agli organizzatori, in particolare a Stefano Bavilacqua che riesce sempre  a disegnare bei percorsi "a tema" e all'organizzazione di Graziano Ferlora sempre impeccabile, sia dal punto di vista dei ristori che dei volontari lungo il percorso!
qui la classifica

giovedì 2 febbraio 2017

... e che Nevoso sia!

Dopo due tentativi di raggiungere la vetta del Monte Nevoso e potermi gustare il tanto decantato panorama a 360° che si può ammirare da lassù, finalmente in una soleggiata mattina di fine gennaio l'obiettivo è raggiunto!
Ali Capogita propone questa "tranquilla" (ma il suo ritmo non è mai tranquillo, che tanto c'è Fulvia a dargli corda...) gitarella "no stress": la strada per arrivare dopo aver lasciato la via principale e seguando le indicazioni per Ilirska Bistrica sembra infinita, e le aspettative salgono sentendo i racconti delle altrui salite.
Arrivati al parcheggio notiamo come molti altri abbiano avuto la nostra stessa idea; tempo di cambiare le calzature e si parte!
Neve in abbondanza, utilizzo i bastoncini da nordic walking per restare in equilibrio e spingermi un pò di più, dato che i piedi, un passo si e l'altro no affondano.
Inizialmente procediamo solo con le pedule ma, quando il dislivello aumenta, ci fermiamo per mettere i ramponi: tutta un'altra cosa!! :)
on si va più avanti di un passo e in dietro di 2, e spingere anche in salita è decisamente meglio; qualche istante a prender fiato con la scusa di qualche foto mozzafiato quando, da lassù si riesce a scorgere il mare e le isole di Cherso e Veglia, proprio lì davanti a noi, sembrano così vicine e il paradosso è trovarsi a 1796 m slm fronte mare! 


In rifugio beviamo qualcosa di caldo e ci riposiamo, il via vai è concitato, chi si ferma un attimo, chi pranza, chi attacca bottone... prima di raffreddarci troppo è giunto il momento di rimettersi in cammino, questa volta giù senza troppa fatica anche se il fondo nevoso rischia spesso di far perdere l'equilibrio (soprattutto se, con le pedule, si prova a correre!! :O )




Stanchi più per l'aria e il sole che per la camminata in sè, ubriachi di luce e con le guance un pò arrossate, rientrando ci fermiamo in una buona trattoria nei pressi di Kozina
Giornata memorabile, grazie a Alì, Fù, Sandra e Paolo ;)

domenica 1 gennaio 2017

Buon 2017! :)

Corsetta di buon auspicio per questo anno nuovo che porta dentro a sé le speranze ed i propositi che sono le cose nuove sanno donare...
Un giro che mi frullava in testa da un po', che mi prometto di rifare come versione da casa per una delle prossime gare lunghe, ma che oggi, a meno di una settimana dall'S1, va bene così!
Zero gradi in partenza e mani che faticano a scaldarsi anche con i guanti, la salita del  sentiero 15 ed i primi raggi di sole che penetrano in Valle aiutano  a migliorare la situazione.
Dopo l'incrocio con la ciclabile si prosegue dritti verso San Lorenzo, quindi percorso corribile, jazere, Pese. Si sale ancora verso il Kokos, inizialmente per la carrareccia, poi lungo i tagli del sentiero 28: si conquista la cima italiana, tumulo pietroso e foto di rito vista mare. :P
Arrivati al rifugio scendiamo per la via alpina fino all'incrocio con Veliko Gradisce: il cartelli sloveno promette che in 15 minuti si è in cima al Vroce (monte Castellaro) e quindi mettiamo in saccoccia un po' di dislivello in più...
Scendiamo per una larga carrareccia e imbocchiamo il primo tratto del sentiero 3 al contrario, fino alla partenza. ci rituffiamo giù verso la ciclabile passando per il sentiero della Salamandra, quindi comoda ciclabile fino all'incrocio col sentiero 15 e ultimo km di asfalto per tornare alla macchina, lasciata là del teatro!
La giornata soleggiata, frizzante e panoramica porta dentro sè il seme di quello che sperò sarà il mio 2017 di corsa, con un pensiero a chi correre non può, per un motivo o per l'altro...
A tutti, buona vita e buone corse!

lunedì 5 dicembre 2016

Cavalcata Carsica - sentiero 3

6:40 Paola & Stefano mi passano a prendere, poco dopo siamo a Pese: scendere dall'auto con il riscaldamento a manetta e precipitare a 4°C mi fa svegliare del tutto e sparisce il torpore del risveglio! Lasciamo i nostri nomi ai cronometristi e sono un po' indecisa sull'indossare o meno l'anti-vento in partenza... di certo tra qualche ora avrò "caldo", quindi niente guanti, anche se per la prima mezz'ora temo che i pollici assiderati mi abbandonino.
Decido di infilarmi l'anti-vento, che partire in canottiera + manicotti mi pare eccessivo, ma so già che presto dovrò toglierlo in corsa.
Foto di rito in piazzale e alle 7:30 precise si parte! siamo davvero un bel gruppo numeroso e variopinto, 150 mi diranno all'arrivo, anche se non tutti partono con l'intenzione di arrivare a Jamiano ma di assaggiare solo una parte del percorso.
Come entriamo nel bosco e iniziamo la prima salita già si sta meglio, tant'è che l'anti-vento finisce in zaino ben prima di arrivare a Basovizza!
Mi sento bene e sono felice di essere qui, corro abbastanza per le mie solite partenze prudenti, ma de resto sono stata ferme da mercoledì proprio per arrivare alla partenza piena di voglia di andare, tanto che penso che sto esagerando.
Passato l'asfalto di Gropada vedo davanti a me Susanna col marito e resto perplessa sul da farsi: in un attimo mi passa per la mente "Vale che fai, non vuoi mica passarli e poi restare impiccata: sai che loro sono forti, no??"
... però poi penso anche che magari non sono in giornata, o che la fanno come allenamento per distanze più lunghe e quindi: vado! Finchè ne ho vado, poi casomai mi ripasseranno...
Giusto il tempo di elaborare queste considerazioni, che inizio il tratto di Monte dei Pini, single track cosparso di sassi in maniera casuale, ottimi per incastrarci le caviglie: tutto è un attimo, sono a terra in un secondo, stile pelle d'orso sbattendo ginocchio sinistro, gamba destra e torace!
Che male, in particolare il ginocchio :( dei ragazzi mi aiutano a raccogliere bastoni, borraccia e riparto senza penarci troppo, certa che il movimento non possa che migliorare la botta, no? (ahime sto diventando un'esperta di cadute, vedi la corsa della bora a gennaio :S)
Scorrono così i chilometri, per un po' tengo a vista i tre ragazzi che mi avevano raccolta, poi li passo sperando che casomai saranno così gentili un'altra volta, se dovessi cadere di nuovo :O
Arrivare a Gorjansko è una festa persone che incitano e ti dicono "brava" già lungo gli ultimi metri di sentiero, e poi un bel gruppetto all'incrocio con la strada, davvero un momento che rincuora lo spirito.
Stefano mi porge il te caldo e mi dice che sono in anticipo (!) rispetto il suo pronostico, prendo un paio di clementine (che quelle che avevo nello zaino si sono disintegrate nella caduta, inglobando nella poltiglia il garmin!! :O)
Riparto subito, cosa saranno 15 km a Jamiano? il solito giro mattutino, no?
Questo pezzo mi piace tantissimo, scoperto solo con gli esplorativi dedicati al tre, che inizia a essere fuori dai soliti giri, ma garantisce 11 km di percorso scorrevole nel Carso meno frequentato e più selvaggio. Mi piace la compagnia degli alberi e ascoltare il mio respiro, c'è un dialogo con me stessa che è iniziato chilometri prima a Pese e mi sembrano attimi preziosi...
Sull'Hermada mi riconosce e saluta Paolo, il marito di Luisa, che avrà modo di vedere come, poco dopo in discesa, mi sono preoccupata di controllare ancora una volta e da troppo vicino il fondo instabile e ghiaioso della discesa :(
Nulla di grave, per fortuna la pendenza finisce presto e con un gran sospiro di sollievo arrivo all'abitato di Medeazza, dove lascio a Stefano i bastoncini: mancano solo 4 km facili e Jamiano sarà mio! :)
Il percorso scorre e la discesa aiuta, la felicità di sentire profumo di arrivo fa dimenticare le gambe stanche e i piedi che iniziano a protestare: bello il tifo all'arrivo, enorme gioia lasciare il nome ai cronometristi e scoprire (non avevo guardato il garmin per tutto il percorso) che ci ho impiegato 5 ore e 52 minuti e ......... sono seconda donna dopo Cristiana Follador (5:27)!
Il mio angelo custode di oggi ha provveduto a farmi recapitare al volo il borsone con il cambio, così posso aspettare senza ghiacciarmi l'arrivo di Paola: grandissimo tempo anche per lei, che chiude ben sotto le 7 ore: Stefano hai cannato i tuoi pronostici, e noi ne siamo davvero fiere!!! ;)
Bel clima di festa, rimango lì ad applaudire gli arrivi, chiacchiero con Lara, Maurizio, Viviana e nel mentre assaporo il gusto di avercela fatta, incredula del tempo finale!
... e questa mattina, tra i commenti del mio post su FB, quello di Claudio Sterpin!!!
altro che premi: questo è il più bel regalo a tema che potessi sperare. :D

domenica 27 novembre 2016

colpo di fulmine

Per una volta un'innamoramento che non perde smalto col trascorrere del tempo anzi, si rinforza col passare degli anni!
E sei anni fa è stato amore a prima vista... anzi, al primo passo!
Proprio oggi, tra le chiacchiere che hanno accompagnato lo scorrere dei nostri chilometri lungo il sentiero 3,  ho raccontato a  Paola di come, 6 anni fa, ho corso il mio primo Trail.
Trail Autogestito del Carso Isontino, organizzato da Caio, al quale han partecipato un gruppetto di blogger e appassionati di corsa che si sono incontrati per condividere chilometri, esperienze, corsa e natura.
Per me una bellissima "prima volta", che mi ha fatto sentire molto chiaramente quello che volevo, podisticamente parlando: basta asfalto e mezze maratone, con l'occhio sempre al garmin per vedere se il ritmo era "quello giusto".
La corsa per me è passione, piacere di muovermi, produrre endorfine e godere delle belle sensazioni che si spargono nel mio corpo... ma se a tutto ciò posso aggiungere i colori della natura, il profumo della terra e delle foglie, una salita e una piccola conquista: beh, è un privilegio al quale cerco di tendere ogni volta che ne ho la possibilità!

Certo che da quel 6 novembre di sentieri ne ho macinati un bel pò :)

giovedì 17 novembre 2016

Euromarathon 2016 ...troppo bella per essere vera :P

... un Sogno! davvero, non mi pare mi sia mai capitato, ma mi sono svegliata ed avevo sognato di avere già corso questa gara...
poi, dato che era presto, mi sono messa a riordinare casa, che pomeriggio c'erano gli amichetti di Anna e Paolo, e poi con calma verso le 7 mi sono preparata. :P
Gara che per me non ha bisogno di presentazioni, per i dettagli tecnici basta vedere uno dei post delle edizioni precedenti...
Passo a prendere Andrea come da tabella e alle 8:20 siamo a Montedoro con Paola, Stefano e Monica.
Durante il tragitto in auto inizia a piovere: il giorno prima ha diluviato e le mie speranze sono quelle che si sia sfogato completamente il mal tempo. Si alza un po' di vento, quello che serve per cancellare le nuvole.
Arriviamo ad Ancarano, ci rifugiamo prima in un bar, poi negli spazi messi a disposizione per il pre gara e non sono per nulla convinta di partire con l'antipioggia: significherebbe andare in ebollizione per il caldo e finire comunque inzuppata, da dentro e non da fuori :S
Scruto il cielo: queste goccioline fasidiose tra un po smettono di cadere! Lascio a Stefano il k-way pochi minuti prima dello start!
Subito salita in asfalto, non più di 500 metri per poi assaggiare lo sterrato che percorre i filari di ulivi tra prati e pastini.
Tanto fango che si appiccica sotto le vecchie ma ancora buone speed cross, tassellate apposta per lui!
In partenza chiacchiero un pò con Serena, che è da subito davanti a me e cerco di tenere nel mirino: si ripete il dejà vù dello scorso anno: la recupero in discesa e poi lei mi passa in salita. Scherzandoci su, ci salutiamo ogni volta e scappa una battuta :D
Il percorso è bellissimo, un continuo sali scendi fangoso, suggestivi passaggi nel bosco e vista sul golfo e montagne retrostanti.
Dopo il tratto di ciclabile un volontario mi dice che sono la 4° donna: mi fa stranissimo, ma che oggi non corre nesuna?! :O
Al sottopassaggio c'è un volontario d'eccezione: sentirsi dire "attenta vai piano!" da Francesco, beh: è davvero poco credibile!! :DDDD
Un pezzo pianeggiante, credo l'unico di tutta la gara che dura ben 1 km e all'imbocco dei laghetti delle Noghere trovo Stefano che mi incita: dice che la terza è poco più avanti e non è in ottima forma... Presto inizia la salita, la raggiungo e la passo, anche se poi in discesa la sento proprio col fiato sul collo. Passato l'abitato di Crociata, per non perdere l'abitudine, inizia un'altra salita, questa volta ci porterà a Prebenico: passato l'albero di cachi ed il ristoro, si scende di quota fino a Caresana.
Ci attende ancora un'ultima salita per poi godersi la discesa finale che ci porterà fino il centro commerciale, l'arrivo più assurdo (e comodo) per un trail! :P
Al di là dell'arrivo, sono felice perchè ho sentito di essermi spinta oltre il solito, di aver gestito la fatica e di stare bene mentre corro: alla fine è questo che cerco, questo quello che voglio!
Incontro Stefano all'arrivo, chiacchiero con Maurizio che è in procinto di preparare l'Ipertrail, poi vedo il gruppo dei nordic walkers di Evoluzione Nordic che, accompagnati da Enrico, si sono cimentati nella non competitiva di 7 km: bravissime/i che nonostante le previsioni nefaste si sono presentate tutte questa mattina, pronte a camminare con qualsiasi tempo!
Approfitto del massaggio offerto dagli organizzatori (!), mi emozioni d'essere premiata a questa decima edizione della gara (emozioni che dilagano tra riconoscimenti e ringraziamenti, che toccano da vicino quelllo che più di un gruppo sportivo è un gruppo di amici...): l'Euromarathon l'ho corsa 6 volte (2009, 2010, 2013, 2014, 2015, 2016), prima nella versione di mezza maratona su asfalto, poi nel nervoso sentiero disegnato dalla mente di Luciano Comelli, conquistando interesse e partecipazione!
trail running tour

lunedì 24 ottobre 2016

aromatic forty... and more!

L'idea era di aumentare di 10 i km dell'ultimo lungo, per una progressione di ore sulle gambe e km in saccoccia...
La giornata da previsioni sembra quella giusta, soleggiata e senza vento, un "regalo" in una settimana non proprio meteorologicamente fortunata!
Partenza prima delle 8 da Bagnoli, direzione San Servolo: sono proprio curiosa, l'ultima volta che sono passata di qua era diversi mesi fa e avevo notato lungo il sentiero, prima si sbucare in Slovenia, dei cumuli di immondizie lasciate sparse lungo il percorso. immondizie non è forse il termine adatto: controllando meglio oggi abbiamo appurato che si tratta di cose vecchie, come se qualcuno avesse lasciato in bosco il contenuto di una soffitta o di un vecchio magazzino.


Ci sono vesiti, peluches uno skateboard, tant cataloghi di prodotti di impiantistica, libri d scuola, cartoline... una tristezza assoluta! Ci chiediamo chi possa lasciare quelle cose lì invece che portarle in discarica, la cosa sembra  non avere alcun senso, dato che il sentiero è nel cuore del bosco e tali cose ingombranti, portate in sporte, casse, sacchi neri, sono state portate a fatica e a braccia...
Ci ripromettiamo di fare presto qualcosa per restituire alla natura il suo spazio e togliere quello che l'uomo incurante dei danni, si è permesso di buttare!
Passato San Servolo e dopo qualche secondo di ammirazione verso il mare, la città e l'arco alpino che si staglia all'orizzonte, voltiamo le spalle e ci dirigiamo dritti verso il Kojnik... ehm, dritti sarebbe un eufemismo, diciamo che "navighiamo a vista" verso il monte sloveno, attraversando sentieri più o meno conosciuti...
Dopo aver passato l'abitato di Petrinje, Davide si ricorda (!) di essere passata "per di qua" in una gara e, dopo un'iniziale carareccia larga che scorre adiacente ad un prato, ci troviamo a camminare nell'erba altra tra alberi e rovi. Recinti di fil di ferro, ancora erba alta e ancora salita, fino a sbucare un una prateria di cespugli bassi, chiari e vellutati: magnifica sorpresa, c'è salvia selvatica ovunque, l'aria è intrisa di profumo, non resisto e ne prendo una fogliolina che sfrego tra le dita e tengo con me per tutto il resto del viaggio...
Amo la Slovenia: verde, così selvaggia e poco abitata, dove la natura è sempre protagonista!
Qualche istante per ammirare anche da qui il panorama insolito, scorcio inusuale del territorio sloveno prima, croato poi con profili di montagne che hanno un richiamo fortissimo e che voglio salutare con la promessa di andarci presto!
Da qui il Kojnik è davvero davanti ai nostri occhi, basta tirare dritto...  ferrovia permettendo!
Passata anche quella, corriamo un bel pezzo pianeggiante fino ad arrivare al campo sportivo di Podgorje, proprio al parcheggio dove di solito si lascia l'auto per iniziare l'ascesa al Taiano.
Siamo al 16° km e tutto va bene, il sentiero che porta in cima non me lo ricordavo così ripido, ma cosa non si fa per conquistare i suoi 802 metri e lasciare un segno sul libro di vetta?!

Cerchiamo un congiungimento per andare diretti sul Taiano senza fare di nuovo  lo stesso sentiero e, dopo una piccola deviazione infruttuosa, ci ricongiungiamo col percorso dell'andata.
La discesa cancella presto la fatica e, tornati a Podgorje siamo pronti per la diretta che questa volta ci porterà a quota 1028 metri, sulla cima accanto. Il sentiero si inerpica tra gli alberi, al riparo dal sole nel primo tratto e poi scoperto nel secondo: fa caldo e l'acqua scarseggia.

Arriviamo in cima e troviamo una comitiva (di triestini), tutti col giubbotto fucsia! :O
Il rifugio è chiuso, pausa giusto il tempo di uno scatto in vetta e poi giù: da qui è tutta discesa, fino alla macchina (più o meno...!)
La larga e comoda carrareccia scorre via veloce sotto i nostri piedi, ma in ogni tratto in cui il terreno torna pianeggiante e bisogna spingere un minimo, le gambe iniziano a lamentarsi... Quadricipite sinistro che brontola e in effetti mi sento un pò stanca...
Arrivati ad Erpelle decidiamo che è il momento di fare una sosta-caffè per sederci un attimo, scaldarsci e rifornirci d'acqua. Proseguiamo poi verso l'imbocco della ciclabile, proprio quella che porta in centro a Trieste; dopo diversi chilometri di "navigatore automatico", all'incrocio col sentiero 15, ci tuffiamo giù in Valle. Ultimo sforzo: non fermarsu al Rifugio Premuda per un gulash ma tirare dritto e arrivare al parcheggio del teatro! 
WOW che giro, assaporo incredula il "viaggio sulle gambe" che mi ha portato in posti già esplorati ma per vie sconosciute: ho scoperto un pezzo di terra profumato e selvaggio, propro vicino a casa! :)
... tirando le somme abbiamo chiuso un pò oltre "il quarantello", ma non si poteva fare a meno...