Pagine

martedì 9 novembre 2010

punti di vista

Alla mezza di Palmanova mancano solo 2 settimane, ieri sera ho ripreso il mio solito allenamento da tabella su strada, da casa verso Barcola e ritorno, 3x800: le mie gambe forse, la mia testa proprio NO!
Il pensiero è ancora forte ed attaccato alla corsa sul Carso di sabato ed alle persone che ho conosciuto in questa occasione. Il post dedicato è cronaca, narrazione dell'evento, ma ho ancora delle sensazioni, dei pensieri che continuano a frullarmi in testa, che mi fanno l'occhiolino, che stuzzicano la mia fantasia...
Enrico (come Marco ha ricordato, arrivato 22° al LUT quest'anno!), si è unito a noi, non ha mai menzionato ritmi o risultati di classifiche, non se ne è curato... a me ha raccontato dei posti dove si allena, -solo sterrato per lui-, dei paesaggi e delle sensazioni..
Marco, mentre racconta divertenti aneddoti dei suoi allenamenti nei quali "il perdersi" è quasi obbligatorio nel Carso triestino, ci teneva a ribadire il suo motto "mai 2 volte lo stesso percorso, mai meno di 2 ore"...
Sabrina e il suo racconto della Skyrace in Carnia, scarpe prese giusto appunto prima della partenza dal pacco gara, corre senza crono nè garmin, ma in salita va e chiacchiera che è un piacere...
Davide che, come dice lui stesso, nasce dalle corse su strada ma ha scoperto e intraperso avventure ben più lunghe e sterrate con molta soddisfazione.
Caio ha dimostrato spirito e grandi capacità organizzative, che ha messo a frutto per  unire e gestire magistralmente chi ama la natura e la corsa creando qualcosa di unico!
Marco arriva a Sagrado dalla Carnia pedemontana proprio per partecipare all'incontro organizzato da Caio, e purtroppo deve scappare via subito dopo aver finito il giro...
... ed è piacevole ritrovare qui Agnese e Nicola, già conosciuti "live" in precedenti occasioni di corse su strada...

La cosa che mi ha colpito di più è che nel sentire raccontare le rispettive esperienze, il fulcro sta nella narrazione delle sensazioni, dei posti e soprattutto dei paesaggi naturali di cui si è potuto godere ed arricchire i ricordi: ci si ricorda del caratteristico volontario locale incontrato al rifugio, piuttosto che il ritmo al chilometro che si è mantenuto...
Nessuno chiede "a quanto vai" o "qual è il tuo PB in mezza"...

La corsa diventa un mezzo, non il fine, per vivere un'avventura.

14 commenti:

  1. Vakentina, un post bellissimo.

    RispondiElimina
  2. Confermo. Un bellissimo post che mi ha ricordato sensazioni ante 'anta, quando, 10-15 anni fa, andavamo a pedalare per i sentieri del Carso Triestino-Goriziano-Sloveno. I silenzi, la natura, i panorami, nessun cronometro, nessuna gara e tanti terzi tempi... camminando, correndo o pedalando=viva il Trail!!!

    RispondiElimina
  3. Valentina! A leggere i vari commenti sul TA quasi mi scappa la lacrimuccia :)) Il trail è bello così, pure se anche lì c'è chi parla solo di tempi ed eroiche imprese non calcolando chi si limita a "soli" 50km: con l'esperienza sto imparando ad evitarli. Noi abbiamo avuto la fortuna di mettere assieme un gran bel gruppo, che ha rispettato il giusto ritmo. Di corsa e di divertimento. Avremo molte altre occasioni. PS - Voglio tornare a vivere a Trieste!!!!!

    RispondiElimina
  4. ....già,c'erano Caio e tutti gli altri.

    E poi c'era Valentina, sempre col sorriso....

    Caio, intanto che aspetti di tornare goditi il Golfo sul mio Blog....;)

    RispondiElimina
  5. bello mi sono emozionata e grande Caio....davvero impagabile correre con l'unico scopo di divertirsi in compagnia........;-D

    RispondiElimina
  6. anche per me, in fondo è sempre stato così... ;)

    RispondiElimina
  7. Questo post per dimostrare quante emozioni possano contenere due semplici parole come "spirito trail"

    RispondiElimina
  8. @doublea: grazie :)

    @Anonimo (ma qualcosa mi dice che sei Stefano...): abbiamo il paradiso dietro casa... dovrò imparare a perdermici dentro!

    @Caio: ...mi hai aperto la vista su nuovi orizzoni, grazie!

    @Orzowei: in effetti ero davver felice ^_^

    @Pimpe: oltre quel che finora conoscevo della corsa

    @Patty: contenta per esser riuscita a trasmettere qualche eemozione: ne sono ancora frastornata...

    RispondiElimina
  9. @theYogi e @Filippo: ... dovevo provare per capirlo :-O

    RispondiElimina
  10. Bello davvero. Infatti nelle marce e le eco in pochi guardano il cronometro. Infatti sono le più belle in assoluto. Come le non competitive !

    RispondiElimina
  11. Con quèlla conclusione potrei quasi aggregarmi anch'io per evidenti affinità... ;)

    RispondiElimina
  12. Guarda qeusto post lo condividio in pieno. Mi sono appena abbonato a spiritotrail e mi sono comprato un bel paio di Salomon. Anche a me piacciono questo tipo di corse e di mentalità.
    PS
    Palmanova.. ci ho passato 9 mesi della mia vita esattamente nel 1994. Salutamela -)

    RispondiElimina
  13. @Franca: purtroppo in zona mia marce e eco non ce ne sono :-(

    @Insane: ;-)

    @Ginko: per fortuna che tra un pò è Natale: anch'io so cosa vorrei sotto l'albero, un paio di scarpe da trail ...
    domenica porto un saluto da parte tua alla città stellata! *

    RispondiElimina